Ortomec

Macchina taglio ortaggio a foglia: scopri le più innovative!

Nel mondo degli ortaggi a foglia c’è una grande possibilità che i coltivatori sfruttano ormai da anni: la ricrescita della pianta e conseguenti ulteriori sfalci e raccolti, capace di abbattere sensibilmente i costi di produzione.

Come svolgere questa operazione in modo ottimale? Esistono macchine specializzate studiate appositamente per garantire risultati duraturi del tempo, nel rispetto dei prodotti destinati alla IV gamma.

Approfondiamo in questo articolo il funzionamento e i benefici della macchina per il taglio di ortaggi a foglia, attraverso l’innovazione delle macchine aspiratrici e rifilatrici di Ortomec.

Quali sono i vantaggi delle macchine a taglio?

Far ripartire la crescita della stessa piantina di rucola dopo la raccolta è possibile: questa operazione può essere estesa a tutte le tipologie di colture a foglia, come l’insalatina o lo spinacio.

La rifilatura permette all’agricolture di effettuare più raccolti sfruttando un’unica semina, una sola preparazione del terreno, risparmiando così denaro e tempo. Inoltre, grazie alla precisione di questa tecnica e delle macchine Ortomec, le foglie che in breve tempo si riformano, sono pronte per una successiva raccolta, garantendo un’ottima qualità del prodotto una long-life superiore.

Entriamo nel dettaglio del funzionamento dei macchinari che svolgono questo tipo di operazione, attraverso l’esperienza di Ortomec.

Come funziona l’aspiratrice e rifilatrice Ortomec

Le aspiratrici Ortomec utilizzano una tecnica che prevede il taglio controllato dell’ortaggio all’altezza ideale desiderata, preimpostando gli speciali sensori elettronici di ultima generazione e l’aspirazione combinata dei residui. Questa operazione permette una veloce ricrescita del prodotto, per tagli e raccolte successive di ottima qualità.

Ortomec oggi offre questo tipo di aspiratrice in due modelli: Cleaner, macchina portata al trattore e Cleaner 2, macchina semovente su ruote.

L’aspiratrice portata al trattore

Utilizzare l’aspiratrice e rifilatrice Cleaner portata al trattore significa avere praticità negli spostamenti su strada e all’interno dell’azienda, velocità di scarico nel caso ci si trovasse lontani dal campo di lavoro, poca manutenzione e costi di mantenimento ridotti. La macchina è stata creata nel 2000 ed è stata la pioniera del settore. Inventata e pensata da Ortomec, oggi, continua ad essere richiesta dai produttori di IV gamma non solo in Italia ma in tutte le parti del mondo.

Cleaner necessita di un trattore con potenza di soli 70/80 HP, ed è in grado di scaricare a un’altezza fino a 180 cm. È pratica, veloce da pulire ed è ideale per la lavorazione sia in pieno campo che sotto serra: il sistema di taglio è controllato da sensori proporzionali che leggono il piano del terreno. Inoltre, questo modello dispone di un impianto idraulico indipendente dal trattore, di un arco di taglio/aspirazione in acciaio inossidabile e di un cassone di raccolta. Il sistema Ortomec consente il passaggio del prodotto attraverso la turbina di aspirazione.

Il prodotto aspirato viene triturato durante il passaggio, aumentando così l’autonomia di carico all’interno del cassone ed evitando perdite di prodotto nell’aria per effetto dell’umidità creatasi con la macerazione del prodotto stesso. Grazie a questo sistema la macchina non necessita di filtri che, come dimostrano le varie esperienze di mercato, si intasano obbligando l’operatore a continue soste per la pulizia degli stessi e a mantenere velocità di avanzamento lente a causa della bassa potenza di aspirazione.

L’aspiratrice semovente su ruote

Il modello Ortomec di aspiratrice semovente Cleaner 2 è una macchina designata specialmente per le aziende che lavorano durante l’arco di tutto l’anno in serra e/o in pieno campo: non a caso questo modello viene molto apprezzato dai più importanti professionisti del settore.

Le caratteristiche tecniche sono le stesse già presentate per la Cleaner portata al trattore, applicate però ad un controllo elettronico a servizio dell’operatore situato nella cabina guida insonorizzata climatizzata. Grazie all’elettronica montata su questa macchina, si riesce a contenere i consumi di carburante e, di conseguenza, anche i costi della rifilatura, i quali, in caso contrario, avrebbero un’importanza rilevante nel computo finale.

Il motore da 75 HP e l’idraulica di alta tecnologia e qualità permettono alla macchina di avere una aspirazione molto performante che permette di lavorare a velocità interessanti e a diminuire i tempi di rifilatura.

Conclusione

Grazie alla tecnica della rifilatura e alle macchine inventate da Ortomec è possibile ottimizzare i tempi di lavoro e mantenere un’alta qualità di prodotto. Il vantaggio per i produttori è un notevole risparmio in termini di tempi di produzione e un’ottimizzazione dei costi interni.

Le prime macchine Ortomec, che hanno raggiunto ormai circa le 10.000 ore di lavoro, hanno soddisfatto pienamente la clientela per le loro prestazioni, alta affidabilità, poca manutenzione, ridotti consumi di carburante e praticità d’uso. L’insieme di tutti questi elementi sicuramente giustificano l’investimento fatto. Desideri ricevere maggiori informazioni? Non esitare a contattarci: saremo lieti di risponderti.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Contattaci , riceverai pronta risposta

Ehi, aspetta 1 secondo!Vorresti essere sempre aggiornato sulle nuove tecnologie prima di tutti?

Iscriviti alla newsletter
e ricevi in anteprima le novità: